Il Blog di Grazia De Fiore

Salve a tutte mamme e future mamme ! Mi chiamo Grazia De Fiore, sono Consulente Professionale in Allattamento IBCLC. Se avete bisogno di informazioni sull'allattamento, avete dubbi o incontrate qualche difficoltà, ponete pure le vostre domande su questo blog o contattatemi privatamente!
Svezzamento

4 miti sullo svezzamento

13/02/2018 - Svezzamento -

Svezzare significa togliere il vizio, inteso in questi casi come togliere il vizio del latte. In verità i bambini non vengono svezzati ma si inizia per loro una dieta da prettamente lattea a diversificata con cibo solido.

A che età cominciare ad offrire altro che latte materno ai bambini?

I genitori sono spesso confusi su questo argomento, spesso ricevono informazioni contradditorie!
Chi dice di cominciare a 4, chi a 6.
C’è chi dice di cominciare con le verdure, altri con la frutta
Le quantità pare che variano da paese a paese, da un pediatra ad un altro, da un libro ad un altro.
In questa giungla di informazioni contrastanti, che fare?
E se fosse solo usare il buon senso e ascoltare il nostro bambino?
Attraverso queste 4 domande spero di aiutarvi a capire di più e di affrontare con calma questo grande passo! E soprattutto, spero di incoraggiarvi ad avere più fiducia in voi e nel vostro bambino.

1° mito: Si inizia ad un’età ben precisa (peggio: dobbiamo iniziare a 4 mesi)

L’OMS e l’UNICEF raccomandano sei mesi di allattamento al seno esclusivo “per la crescita e lo sviluppo ottimale.
A quest’età sono meglio sviluppate le capacità digestive del bambino e quelle di masticazione e deglutizione.
Inoltre, un’introduzione troppo precoce di alimenti aumentano il rischio di sviluppare allergie, soprattutto nei bambini che già hanno una predisposizione.
Nei primi anni del 20° secolo, tutti i bambini sono stati allattati al seno dalla madre o da una nutrice, iniziavano a ricevere cibo solido intorno ai 10/12 mesi.
Nel 1930, quando l’alimentazione artificiale si è diffusa, ai neonati mancavano vitamine, e per risolvere il problema si anticipava la diversificazione alimentare.
Dal 1970, l’alimentazione artificiale è migliorata, e si è cominciato a valutare i rischi di introduzione di alimenti prima dei 6 mesi. La data di introduzione del cibo solido inizialmente era a 3 mesi, poi 4, poi 6 mesi oggi.

Qual è l’età giusta per cominciare?

Si dice che, in generale, che i bambini sono pronti intorno alla metà del loro primo anno di vita. 6 mesi è una media, ma i bambini non sono tutti pronti per iniziare alimenti solidi allo stesso tempo. Ogni bambino è unico. L’ideale è, come spesso ascoltare il suo bambino.
Ci sono segnali che il bambino è fisiologicamente pronto per iniziare alimenti solidi:

  • Se ne sta seduto in posizione verticale (e ha un buon controllo della sua testa).
  • Porta gli oggetti alla bocca.
  • Mostra un certo interesse per il cibo.

Altri segni sono importanti, soprattutto se si sceglie di allattare il bambino con un cucchiaio:

  • Ha perso la sporgenza reflex della lingua, che porta a spingere il cucchiaio con la lingua.
  • È in grado di mostrare la sua fame e sazietà con gesti (quando gli adulti si avvicinano al cucchiaio, apre la bocca e muove la testa, se ha fame, chiudere la bocca e gira la testa se è sazio). Questo è molto importante perché deve certamente dare al bambino più di quanto necessario.

Alcuni bambini sono pronti a 5 mesi, mentre per altri non lo sono prima di otto mesi o più! E non importa! risolvere il problema.

2° mito: è necessario seguire un ordine riguardo gli alimenti da introdurre

Ad esempio: “iniziare con le verdure, poi dopo due settimane integrano frutta, poi dopo una settimana iniziare cereali, e all’età di 7 mesi, è possibile integrare la carne”. Nessuno studio scientifico giustifica tale rigidità.
l’ OMS e l’UNICEF suggeriscono di offrire alimenti preferibilmente ricchi di ferro e calorie. Il ESPGHAN (società europea di gastroenterologia, epatologia e nutrizione pediatrica) dice, “non vi è alcuna necessità di specificare il tipo di beikost (cereali, frutta, verdura …) da essere introdotto prima.”
In breve: dai 6 mesi, tutti di alimenti sono ammessi e l’ordine di introduzione non è importante!

È stato consigliato in passato di aspettare 1 anno di età per l’introduzione di cibi allergenici.
Nelle raccomandazioni del ESPGHAN del 2008, si legge: “non è stato provato che evitare o ritardare i cibi potenzialmente allergenici riduce le allergie.” Health Canada dice che: “Non ci sono prove che l’ordine in cui si introduce cibi solidi influenzi il rischio che il bambino sviluppa una allergia alimentare, inclusi i bambini a rischio di atopia. allergeni alimentari più comuni, come le arachidi, pesce, grano, latte, soia e uova intere possono essere offerti a partire dall’età di circa sei mesi. ”

3° mito: dare quantità precise di ogni alimento

A tal proposito riporto le parole del pediatra spagnolo Carlos Gonzalez, che parla di “fantascienza” sulla nutrizione infantile. Egli dice nel 2008:” non vi è alcuna base scientifica per dire che un bambino di quell’età dovrebbe mangiare una quantità stabilita di un particolare alimento…”
Nel 1920, l’esperienza di un pediatra canadese ha mostrato offrendo a bambini di età differente (da 6 a 18 mesi) diversi alimenti (carne, verdure, amidi …) e mescolati tra loro e lasciando che si nutrissero a richiesta, tutti in definitiva seguivano una dieta equilibrata (anche se le variazioni da un pasto all’altro o da una settimana variavano da bambino a bambino e da una settimana all’altra). Altri esperimenti successivi hanno mostrato che i bambini piccoli ingeriscono ogni giorno una quantità relativamente costante di calorie.

4° mito: il cibo dovrebbe essere ridotto in purea e dato al cucchiaio

Falso!
Se aspettiamo che è davvero pronto, il bambino è perfettamente in grado di portare da solo cibo in pezzi alla sua bocca, masticare e inghiottire.
Questa modalità potrebbe richiedere diverse settimane o mesi prima che spesso acquisisce una buona tecnica e mangiare quantità significative. Certo, è disordinato. Questo richiede pazienza per i genitori. Così, è certo che il bambino scopre il cibo al proprio ritmo, non mangiare più di quello che ha davvero bisogno. Noi rispettiamo e incoraggiamo la sua indipendenza.
Potremmo avere paura perché soffoca, ma in realtà, il rischio di soffocamento non è superiore nella diversificazione convenzionale. Sarebbe ancora meno! Infatti, i bambini hanno un riflesso del vomito che viene attivato se troppo cibo arriva troppo vicino alla loro gola
Un bambino ha meno rischi di soffocamento se controlla ciò che accade in bocca, perché non è in grado di spostare la parte posteriore del cibo dalla bocca alla gola come lui non può masticare
Masticare il cibo all’inizio della diversificazione ha anche il vantaggio di indurre un corretto sviluppo delle mascelle e ricevere benefici ortodontici. Un certo numero di medici, odontoiatri e ortodontisti denunciano “la nocività di somministrazione passiva di alimenti in purea, imposti al cucchiaio”.
Infine, se i genitori preferiscono nutrire il loro bambino con un cucchiaio, sin dai 6 mesi di età il bambino può benissimo mangiare cibi morbidi schiacciati con una forchetta. Possono ancora adottare un approccio più rispettoso alle sue esigenze. Possono procedere come segue:

  • Non forzare il bambino a mangiare un cucchiaio offerto a lui
  • Proponete un cucchiaio di verdure, poi un altro, fino a che il bambino chiude la bocca. Poi si continua con un cucchiaio di pesce o carne e quando non ne vuole più passate ai cereali (pasta riso…).

Non siete obbligati a seguire questa sequenza potete scegliere voi.

Da Jack Newman /Grazia De Fiore. Svezzamento Allattamento. Dall’introduzione dei cibi solidi alla fine dell’allattamento. Coleman editore 2009

Condividi sui social
0 Comments
Ci farebbe piacere se volessi lasciarci un commento!

Leave a Reply