Il Blog di Grazia De Fiore

Salve a tutte mamme e future mamme ! Mi chiamo Grazia De Fiore, sono Consulente Professionale in Allattamento IBCLC. Se avete bisogno di informazioni sull'allattamento, avete dubbi o incontrate qualche difficoltà, ponete pure le vostre domande su questo blog o contattatemi privatamente!

Coliche e latte di mamma

14/09/2016 - Jack Newmann, Allattamento - , , , ,

Uno dei miti sull’allattamento è quello che un bambino allattato non soffrirà mai di coliche, quindi se un neonato allattato ha le coliche, erroneamente si suppone che ci sia qualcosa nel latte della mamma che lo disturba:

– Il latte della mamma è troppo grasso
– Il latte della mamma è dietetico”
– Il latte della mamma è nutriente
– Nel latte ci saranno tracce di cavolfiore, cipolla, cioccolato o…qualsiasi alimento che si è mangiato il giorno prima
– La mamma è stressata, il latte è stressato ”e il neonato ha le coliche
– La mamma ha poco latte

In realtà mai la causa delle coliche è da attribuire al latte della mamma. Ci sono pochissimi casi nei quali la colica si può attribuire a qualche alimento digerito dalla mamma, a tale proposito vi invito a leggere l’articolo el dottor Jack Newman sulle coliche http://www.graziadefiore.it/blog/allattamento/item/165-le-coliche-del-neonato-allattato-al-seno

Erroneamente si definisce colica ogni pianto del neonato, ma non sempre il pianto è colica. Un bebè piange per vari motivi e solo dopo aver valutato se uno di questi è la causa del pianto del neonato si può parlare di colica.

Perché un bebè piange?

Per fame (anche se non corrisponde all’ora prevista per la poppata, un bèbè potrebbe piangere per fame)

Freddo

Caldo

Pannolino sporco

Ruttino

Rigurgito

Reflusso

Bisogno di stare in braccio alla mamma o al papà

Le coliche si definiscono tali se:

– il neonato comincia ad avere periodi di pianto inconsolabile

– pur coccolandolo o offrendogli il seno, non riesce a calmarsi.

Se veramente il vostro bambino soffre di coliche sarebbe opportuno riuscire ad avere una buona dose di pazienza e piano piano cercare di capire cosa potrebbe esserne la causa e, se siete fortunati, giungere ad una soluzione.

Se questo non accade, ad un certo punto e come per magia, le coliche svaniranno e il vostro bambino vi regalerà il più grande dei sorrisi, che ogni giorno vi ripagheranno della pazienza che avrete avuto e che vi ha fatto mantenere alto l’obiettivo di nutrire al seno il vostro bambino.

Cosa posso fare se si tratta di una colica?

Avere pazienza

Leggere l’articolo del dottor Jack Newman sulle coliche http://www.graziadefiore.it/blog/allattamento/item/165-le-coliche-del-neonato-allattato-al-seno

Portare il bambino in fascia.

Perché portare un bambino in fascia potrebbe aiutare se il bambino soffre di coliche?

Un bebè portato viene costantemente cullato dal corpo della mamma o del papà

Il corpo del bambino si trova in una posizione fisiologica che aiuta a gestire piccoli disagi legati alla digestione, al reflusso, alle coliche

Se le coliche, come di solito accade, si manifestano sempre intorno alla stessa ora potrebbe essere utile portare il bambino in fascia a partire da un certo orario, cercando di anticipare l’ora della colica

Perché portare prima della colica?

Perché spesso se proviamo a portarlo durante un attacco di colica il bebè non sempre vorrà stare in fascia, ma anticipando “forse” si potrebbe aiutare il bebè.

Condividi sui social

Consulente professionale in allattamento materno, ho cominciato nel 2000 come consulente volontaria de La Leche League France e Italia, nel 2002 ho sostenuto il primo esame di IBCLC, rinnovato nel 2010.

Dal Luglio 2015 ho innaugurato un centro allattamento Café Bébé, un luogo d'incontro e di sostegno per le mamme.

0 Comments
Ci farebbe piacere se volessi lasciarci un commento!

Leave a Reply