Portare in inverno

In inverno si concretizza uno dei concetti trainanti del portare: la trasmissione di calore. I migliori supporti sono quelli che permettono il contatto continuo, in cui il bebè è vicino, il più vicino possibile al corpo della mamma e si riscalda al suo calore.

Nella stagione fredda questo è ancora più valido ma, soprattutto, pratico. Non sarà necessario vestire il bebè di strati di vestiti, infagottandolo fino a perderlo sotto centimetri di piumini. Un body e una tutina felpata basteranno, per il resto sarà sufficiente la mamma che, grazie ad un buon supporto, contribuirà a mantenere il piccolo alla corretta temperatura.

Per le passeggiate all’aperto è consigliabile indossare il proprio bebè e coprire entrambi con un cappotto abbastanza grande da accogliere ambedue (il guardaroba del papà in questo senso è molto utile o anche il cappotto che si usava in gravidanza), oppure con un ampio scialle (le nonne saranno felici di confezionarne uno ai ferri), o ancora un caldo poncho di facilissima realizzazione, con un’apposita apertura per far uscire la testa del bebè. Esistono anche delle sartorie che confezionano maglioni e soprabiti, sia sportivi che eleganti, studiati e tagliati apposta per le mamme che portano i propri bambini, con delle tasche che, una volta tolte, permettono di utilizzare l’indumento anche quando non si porta più.

Alle alte latitudini è facile trovare donne che portano il proprio bambino nell’indumento tradizionale delle donne inuit: l’amauti, una sorta di abito-giaccone con un cappuccio molto largo per potervi ospitare i neonati o i bimbi piccoli.

Qualsiasi sia la scelta di come coprirsi ed a qualsiasi latitudine ci si trovi, le cose da attenzionare sono:

–        non coprirvi troppo, vi riscalderete l’un l’altro e sudare in inverno è più pericoloso che sentir freddo;

–        proteggere solo le estremità che stanno fuori dal supporto, quindi testa e piedi con cappellino e calzini adeguati;

–        indossate una sciarpa, soprattutto se portate sulla schiena, spesso si rischia di restare con la nuca scoperta ed esposta al freddo.

Buon inverno!

Isabella Reina

Disclaimer

Le informazioni indicate non sostituiscono una consulenza personalizzata.
Se avete domande o siete in difficoltà potete prendere un appuntamento cliccando il pulsante qui sotto.

Articoli correlati

Devi essere connesso per inviare un commento.
Menu